LOU DALFIN
presenta
OC-CONNECTION

Mercoledì 24 luglio 2013 – h 21
Rodez (12 – Aveyron) - ESTIVADA

L'onore di festeggiare ufficialmente il ventennale dell'Estivada di Rodez spetta a Lou Dalfin che porterà sul palco del più importante festival dedicato alla cultura occitana uno spettacolo concepito appositamente per l'evento: unico, speciale ed effimero: Oc-Connection.

Per l'occasione Sergio Berardo e soci inviteranno alcuni degli amici incontrati sulla strada negli oltre trent'anni di carriera: Joan dei Nadau, Papet J del Massilia Sound System, Lo Còr de la Plana, i salentini Mascarimirì, André Ricros e la banda di cornamuse e clarì di Pierre Rouch e Robert Matta.

Quand lo pòble sera assemblat Monsenhor prononciara una arenga. Anonciara que de gents a massa van arribar dins Rodès, de totas las comunautats de Roergue e de la provìncias indivisas, per comenchar la lucha.
J. Bodon (La Quimera)

E arrubaré lo pòble per menar la batalha ambe nosautres. Nòstra batalha facha de nòtas, de sòns, de votz e de paraula. Nòstra batalha de suenh e realitat. Nòstra batalha de memòria e imaginari. La batalha per revelhar l'estrambòrd e l'orguelh, lo coratge d'aquò que sem.
Davalarén di montanhas e planas mai luenhas, esparpalhàas als quatres caires del paìs. Del Pirenéu lo chantaire Joan, immortal viatjaire que nos encantaré ambe d'estòrias de totjorn. E los clarins de Bigorra, fach e sonats dal bulhiare de sons Peire e si camaradas. Pei las bohas de las lanas de mestre Robert, mago del bordon enmascaire.
Andreu d'auvernha e sa cabreta, onor de la fatiga d'emigrats que an enventat lor musica e n'an fach trabalh. Arrubaré de son pòrt la chorma di corsaris e di galerians. Manu e lo Còro, còr de la vila enté tot arriba e part. Chansons de mar e de terra. E venaren i bomians d'Italia. Claudio e i colportaires de ritmes sarvatges. E ambe lhi caracos lo Papet que pensa e conta lo raive de l'onda. Pescaire del solelh que se leva. Nosautres, contrabandiers de l'aigavers, gardians de la pòrta d'orient los avem sonats. La rampelada de la viola, sorre del musicaire de rota alpenc, es arrubàa dins tota l'Occitania per festejar l'eiros aniversari de l'Estivada.
Sergio Berardo

Quando il popolo sarà riunito Monsignore pronuncerà un discorso. Annuncerà che delle genti in massa arriveranno a Rodez, da tutte le comunità del Rouergue e dalle province indivise, per iniziare la lotta.
J. Bodon (La Chimera)

E arriverà il popolo per condurre la battaglia insieme a noi. La nostra battaglia fatta di note, di suoni, di voce e di parola. La nostra battaglia di sogni e realtà, la nostra battaglia fatta di memoria e immaginazione. La battaglia per svegliare l'entusiasmo e l'orgoglio, il coraggio di quello che siamo.
Scenderanno dalle montagne e pianure sparse ai quattro angoli della nostra terra. Dai Pirenei il cantore Joan, immortale viaggiatore che ci incanterà con le sue storie di sempre. E gli oboi di Bigorre fatti e suonati da Peire, distillatore di suoni e i suoi compagni. Poi le cornamuse delle Lande di maestro Robert, mago del bordone stregato. Andreu d'Auvernha e la sua cabrette, onore della fatica di emigranti che hanno inventato la loro musica e ne hanno fatto lavoro. Arriverà dal suo porto la ciurma dei corsari e galeriani. Manu e il coro, cuore della città dove tutto arriva e parte. Canzoni di mare e di terra. E verranno gli zingari d'Italia. Claudio e i colportori di ritmi selvaggi. E con i gitani “lo Papet” che pensa e racconta il sogno dell'onda, pescatore del sole che nasce.
Noi, contrabbandieri dello spartiacque, guardiani della porta orientale li abbiamo chiamati. Il richiamo della ghironda, sorella del suonatore di strada alpino, è arrivato in tutta l'Occitania per festeggiare il compleanno dell'Estivada

 

Video

Twitter


Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.loudalfin.it/home/modules/mod_advanced_twitter_display/tmpl/default.php on line 13