Nello Stato italiano, oltre alle minoranze linguistiche più conosciute, esiste, in 14 Vallate suddivise amministrativamente tra le province di Torino e Cuneo la comunità di lingua occitana; un gruppo di circa 180.000 persone che, nei propri confronti, ha visto disattendere per lunghi anni l'articolo 6 della Costituzione Italiana contenente norme specifiche per la tutela delle aree con peculiarità linguistiche ed etniche.

Val Doira (Alta Dora, la parte compresa tra il centro abitato di Chiomonte e il confine italo - francese), Val Cluson (Chisone), Val San Martin (Germanasca) e Val Pelis (Pellice) in provincia di Torino, Val Po, Val Varacha (Varaita), Val Maira (Maira), Val Grana (Grana), Val d'Estura (Stura di Demonte), Val Ges (Gesso), Val Vermenanha (Vermenagna), Val Pèsi (Pesio), Val Eller (Ellero) e Val Corsalha (Corsaglia) in provincia di Cuneo sono l'estrema propaggine orientale della "Occitania Granda": un territorio che, di là delle Alpi si estende per 191.889,5 Kmq. in 32 départements dello stato francese e nella Val d'Aran - una piccola enclave di 450 Kmq. sui Pirenei, unico luogo in cui la lingua occitana (l' Aranes della famiglia dialettale guascone) gode di tutela ufficiale presso le amministrazioni locali e i media nazionali, al pari del catalano e del castigliano (il cosidetto spagnolo “ufficiale”).

Le Vallate Occitane piemontesi sono una piccola regione di circa 4300 Kmq., che a partire dagli anni Settanta è stata teatro di un notevole fermento culturale: produzione letteraria e poetica, periodici in lingua d'Oc, attività politica occitanista più e meno fortunata e, soprattutto nell'ultimo decennio, un crescente interesse verso quelle che sono considerate le più spontanee e connotative forme di espressione di un popolo: la musica, il canto e la danza.

Questo, è uno degli aspetti culturali più interessanti e significativi, delle Vallate di oggi: grazie all'attività d'insegnamento di alcuni musicisti, fra cui spicca la figura dell'eclettico polistrumentista Sergio Berardo, sono innumerevoli i corsi e seminari di musica occitana, in cui decine di appassionati (tra i quali molti giovani) riprendono in mano gli strumenti della tradizione e formano gruppi di ballo, corali, gruppi strumentali delle più svariate tendenze e ispirazioni. Questo fenomeno, che ha pochi eguali in Italia, ha sempre trovato un concreto punto di riferimento nell'entourage artistico de Lou Dalfin, definito da più parti non solo una "potente macchina da concerti...", alfiere delle nuova tradizione musicale occitana ma anche un laboratorio didattico e culturale di alto profilo.

Video

Twitter


Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.loudalfin.it/home/modules/mod_advanced_twitter_display/tmpl/default.php on line 13